Vita da startupper

Team

Désirée Farletti

Co-Founder & COO

Luca Spiridigliozzi 

Co-Founder & CTO

Daniele Nora

Co-founder & CSO

Tommaso Farletti

Co-Founder & CEO

Advisor

Eric Larsen

Alessandro Cordova

La nostra idea di innovazione nasce da un’intuizione spontanea avuta circa un anno fa. Ci trovavamo in viaggio quando, ad un tratto, un’immagine raccapricciante si è palesata dinanzi ai nostri occhi: una discarica a cielo aperto di vecchi pneumatici incendiati. Da quel momento in poi abbiamo capito che non potevamo più aspettare e che dovevamo fare qualcosa di concreto per aiutare l’ambiente. La strada verso la formulazione della nostra odierna vision è stata disseminata di ostacoli ma, nonostante tutto, siamo riusciti a darle forma grazie ad una ferrea perseveranza e ad una cieca fiducia nelle nostre capacità.

Sin da subito ci siamo scontrati con la dura realtà, catapultandoci nel mondo delle startup grazie alla Fondazione Bracco ed al loro evento a tema economia circolare “Start to be circular”. Da quell’esperienza, tutto è cambiato.

Subito dopo abbiamo proposto la nostra idea all’università commerciale Luigi Bocconi e siamo stati prontamente selezionati per partecipare al loro corso di accelerazione per startup: “The Startup Training”. Nel corso dei 6 mesi di formazione presso tale prestigioso Istituto, abbiamo imparato cosa vuol dire essere startupper e come applicare un metodo dal rigore scientifico per ottimizzare le risorse ed incrementarne l’efficacia. Nel frattempo, grazie al know-how ingegneristico posseduto da uno dei nostri soci non abbiamo mai smesso di abbatterci se una prova si rivelava fallimentare fino a che, finalmente, non siamo giunti alla formulazione del processo rivoluzionario che ad oggi ci permette di realizzare i nostri prodotti abbattendo drasticamente le emissioni di CO2 e nel pieno rispetto dell’ambiente.

Per questo motivo crediamo che il processo rivoluzionario di RECO2 debba essere tutelato da brevetto industriale e, al momento, ci stiamo adoperando proprio per questo. Dunque, dopo aver realizzato i nostri primi prototipi, abbiamo capito di essere davvero pronti ad aggredire il mercato. Abbiamo infatti intenzione di cercare finanziamenti sia da investitori privati che da enti pubblici regionali ed europei, forti della consulenza di diversi professionisti del settore a cui già ci siamo rivolti e ci rivolgeremo.

Possiamo inoltre vantarci dell’ottimo piazzamento ottenuto recentemente alla “Rome Startup Week”, un evento a cui hanno partecipato più di 350 startup e dove abbiamo conquistato il secondo posto alla gladiator challenge, una sfida senza esclusione di colpi in cui ogni startupper veniva messo alla prova chiedendogli di presentare la propria idea imprenditoriale a colpi di pitch davanti ad una giuria di esperti.

Il team RECO2

Luca, Tommaso, Daniele e Désirée